Argomenti più utili Fattura Elettronica Split Payment Reverse Charge Dichiarazione Intento Spesometro2014 Anagrafica Articoli Anagrafica Clienti Fornitori Flusso Documenti Operazioni Su Documenti Note Documenti Storico Condizioni Vendita Acquisto Allegati Digitali Schedulazione Processi Configurazione Agenti Generazione Listino E Specializzazioni Struttura Listini Struttura Listini Fornitori Struttura Listini Interni Struttura Promozioni Omaggi Prima Nota Comunicazioni Importazione Anagrafiche Excel Importazione Documenti Excel Rifatturazione Documenti Varianti Articolo Condizioni Pagamento Trend Di Magazzino Altri argomenti Addebito Spese Bollo Allineamento Dati Clienti Anagrafica Personale Anagrafiche Aperture Chiusure Contabili Aperture Magazzino Articolo62 Assegnazione Piano Conti Associazione Nuovi Report Attributi Aggiuntivi Tabelle Banche Black List2013 Catalogo Stampe Cespiti Chiusura Documenti Compensazioni Partite C O N A I Configurazione Agenti Portale Configurazione Documenti Configurazione Posizioni Finanziarie Configurazione Prezzi Configurazione Sconti Configurazione Utenti Interni Consulta Modifica Listini Contabilizzazione Documenti Contabilizzazione Incassi Pagamenti Contratti Acquisto Contratti Provvigione Contratti Vendita Controllo Totalizzatori Contro Partite Copia Documenti Crea E Registra Fatture Fornitore Data Condizioni Di Vendita Data Consegna Data Spedizione Data Inizio Fine Uso Anagrafiche Distinta Banca Documenti I Prezzi V A Inclusa Documenti Ricorsivi Ecommerce Esportazione Importazione Provvigioni Etichette G S1128 Fido Formati Numerici Generazione assortimenti Generazione Listini Fornitori Generazione Listini Interni Generazione Scadenze Google Calendar Importazione Listini Excel Importazione Prima Nota Import Export Articoli Cliente Excel Incassi Pagamenti Inserimento Guidato Prima Nota Inserimento Multiplo Scadenze Fornitori Insoluti I N T R A S T A T Inventario P D A I V A Sospensione Kit Lavori Lifo Fifo Liquidazione I V A Listini In Valuta Manutenzione Agenti In Anagrafica Clienti Manutenzione Agenti Su Documenti Manutenzione Scadenze Modifica Codice Piano Conti Monitoraggio Validazione Spedizioni Movimenti Associati Nazioni Nota Accredito Finanziaria Note Clienti Packing Pallettizzazione Partite Per Iniziare G L180 Business Piano Dei Conti Predefiniti Premi Fine Anno Procedure Su Dettaglio Listini Profili Creazione Documenti Condizioni Vendita Proposta Provvigione Agente Protocolli Quick Pay Raggruppamenti Fatturazione Ragg Statistici Clienti Redditività Registra Incassi Pagamenti Registra Incassi Pagamenti Combinati Ricalcola Condizioni Di Vendita Rinnovo Listini Ritenute Acconto Sales Force Sales Force Sede Scadenze Manuali Scala Sconti Combinata S S C Scheda Cliente Sostituzione Componenti Distinta Base Spedizioni Spese Trasporto Spesometro Spesometro2012 Spesometro2013 Stampa Anomalie Provvigioni Stampa Clienti Assegnati Ad Agenti Stampa Configurazione Listini Stampa Definitiva Documenti Stampa Differenze Clienti Stampa Disponibilita Stampa Elenco Clienti Agenti Stato Documenti Totali Documenti Generatori Trasferimento Merce

Fatturazione elettronica

Dal 06 giugno 2014 i soggetti che hanno necessità di emettere fatture ad alcune amministrazioni statali quali ministeri, agenzie fiscali ed enti nazionali di previdenza, non possono più avvalersi della modalità cartacea.

Da tale data scatta l’obbligo di emettere la fattura in formato elettronico; l’invio dei file (XML) alle Pubbliche Amministrazioni avviene attraverso il Sistema di Interscambio (SdI) gestito dall’Agenzia delle Entrate.

 

Al file XML deve essere apposta la firma digitale per garantire integrità e autenticità del documento che rappresenta.

La firma elettronica è il corrispondente digitale di una firma autografa effettuata su carta. I formati ammessi per firmare elettronicamente la fattura sono CAdES-BES e XAdES-BES; GL180 trasmette solo file firmati CAdES-BES.

 

GL180 esegue l’invio della Fattura elettronica opportunamente firmata all’SdI tramite email pec (un sistema che evita l’accreditamento di un canale Web-service, FTP o Porta di Dominio).

 

Attenzione: dal 31 marzo 2015 l’obbligo di invio delle fatture in formato digitale si estende anche a tutte le rimanenti tipologie di amministrazioni statali.

 

La fatturazione Elettronica può essere generata a partire da un contratto stipulato con la pubblica amministrazione oppure a fronte di un Ordine di acquisto.

 

Nela prima ipotesi le informazioni da riportare nella fattura vanno inserite in anagrafica commessa. Esse sono:

·         Numero contratto: riferimento commessa (dato obbligatorio in caso di contratto);

·         Data contratto: data commessa;

·         Codice Convenzione;

·         Codice CUP: Codice Unitario Progetto;

·         Codice CIG: Codice Identificativo Gara.

Nella testata del DDT che genererà la fattura oppure nella Fattura Immediata, sezione Altri dati bisogna indicare il codice commessa dal quale verranno prelevati i dati obbligatori e, se presenti, i codici CUP, CIG, Convenzione.

 

In caso di Ordine di acquisto le informazioni relative a codici CUP, CIG, Convenzione vanno indicati direttamente in testata del documento. Il file XML creato dalla fattura provvederà a prelevare i dati dei codici CUP, CIG, Convenzione risalendo dall’eventuale DDT all’Ordine da cliente.


 

Configurazioni

Gli archivi coinvolti per la generazione della fattura elettronica sono i seguenti:

·         Anagrafica ditta;

·         Anagrafica clienti;

·         Anagrafica commessa;

·         Nazioni;

·         Causali IVA;

·         Causali pagamento;

·         Modelli documenti;

·         Valute;

·         Coordinate banche ditta;

·         Coordinate banche cliente;

·         Testa documenti.

 

Attenzione: Note particolari

·         Non vengono gestiti documenti con pagamento anticipato;

·         Il formato trasmissione è già definito ed impostato SDI10;

·         Le coordinate bancarie vengono prelevate dall’azienda se il pagamento è di tipo bonifico, dall’intestatario documento per tutte le altre tipologie di pagamento;

·         Le voci libere di tipo sconto (percentuale estesa e limitata) non vengono esportate nel file in quanto i dati non sono compatibili con le informazioni richieste dal tracciato;

·         La funzione di Gestione fattura elettronica è visibile dal menù Operazioni di testa documenti solo per documenti con specificato il Tipo fatturazione elettronica, stato Emesso e Intestatario ha attivo il flag Fatt. elettronica;

·         La condizione di pagamento non è obbligatoria ma se viene specificata, per ogni singola rata deve essere indicata la modalità di pagamento: contanti, RIBA, Bonifico ecc..

·         E’ possibile generare un solo documento a fronte di documenti di partenza diversi purché eventuali codici CUP, CIG o Convenzione siano gli stessi; nell’impostesi in cui uno solo di tali dati sia differente vengono creati più documenti (es. creare una Fattura a fronte di più DDT);

·         Il file XML può essere ricreato fino a quando non è stato eseguito l’upload del file firmato.

 

Dati obbligatori Anagrafica Ditta

Campo GL180

Campo fatturazione elettronica

Destinazione nel file

Nazione (Cod. ISO:IT associato alla nazione)

IdPaese

<DatiTrasmissione><IdTrasmittente>

 

<CedentePrestatore><DatiAnagrafici><IdFiscaleIVA>

 

Nazione

<CedentePrestatore><Sede>

Codice Fiscale

IdCodice

<DatiTrasmissione><IdTrasmittente>

 

 

<CedentePrestatore><DatiAnagrafici><IdFiscaleIVA>

Ragione sociale

Denominazione

<CedentePrestatore><DatiAnagrafici><Anagrafica>

Regime fiscale (RF01 Ordinario, vedi specifiche tecniche se diverso)

RegimeFiscale

<CedentePrestatore><DatiAnagrafici>

Indirizzo1/via (comprensivo di n.civico)

Indirizzo

<CedentePrestatore><Sede>

Cap it

CAP

<CedentePrestatore><Sede>

Città

Comune

<CedentePrestatore><Sede>

 

Ufficio

<CedentePrestatore><iscrizioneREA>

r.e.a.

NumeroREA

<CedentePrestatore><iscrizioneREA>

Val. capitale sociale

CapitaleSociale

<CedentePrestatore><iscrizioneREA>

Socio unico

SocioUnico

<CedentePrestatore><iscrizioneREA>

In liquidazione

StatoLiquidazione

<CedentePrestatore><iscrizioneREA>

Dati obbligatori Anagrafica Cliente

Campo GL180

Campo fatturazione elettronica

Destinazione nel file

Nazione (Cod. ISO:IT associato alla nazione)

IdPaese

<CessionarioCommittente><DatiAnagrafici><IdFiscaleIVA>

 

Nazione

<CessionarioCommittente><Sede>

Codice Fiscale

IdCodice

<CessionarioCommittente><DatiAnagrafici><IdFiscaleIVA>

 

 

<CedentePrestatore><DatiAnagrafici><IdFiscaleIVA>

Ragione sociale

Denominazione

<CessionarioCommittente><DatiAnagrafici><Anagrafica>

Riferimento cliente (Codice univoco ufficio vedi “Indice IPA”)

CodiceDestinatario

<DatiTrasmissione>

Indirizzo1/via (comprensivo di n.civico)

Indirizzo

<CessionarioCommittente><Sede>

Cap it

CAP

<<CessionarioCommittente><Sede>

Città

Comune

<CessionarioCommittente><Sede>

 

Dati Anagrafica Commessa

Campo GL180

Campo fatturazione elettronica

Destinazione nel file

Cod. Convenzione (Codice della commessa o della convenzione collegata alla fattura)

CodiceCommessaConvenzione

<DatiGenerali><DatiContratto>

Cod. CUP (Codice Unico Progetto: vedi CIPE)

CodiceCUP

<DatiGenerali><DatiContratto>

Cod. CIG (Codice Identificativo Gara)

CodiceCIG

<DatiGenerali><DatiContratto>

Data commessa (Data contratto)

Data

<DatiGenerali><DatiContratto>

Riferimento commessa (Numero contratto. Dato obbligatorio se viene gestito il contratto)

IdDocumento

<DatiGenerali><DatiContratto>

 

Dati Testa Documento Ordine da Cliente

Campo GL180

Campo fatturazione elettronica

Destinazione nel file

Cod. Convenzione (Codice della commessa o della convenzione collegata alla fattura)

CodiceCommessaConvenzione

<DatiGenerali><DatiOrdineAcquisto>

Cod. CUP (Codice Unico Progetto: vedi CIPE)

CodiceCUP

<DatiGenerali><DatiOrdineAcquisto>

Cod. CIG (Codice Identificativo Gara)

CodiceCIG

<DatiGenerali><DatiOrdineAcquisto>

Numero protocollo

IdDocumento

<DatiGenerali><DatiOrdineAcquisto>

Data protocollo

DataDocumento

<DatiGenerali><DatiOrdineAcquisto>

 


 

Dati obbligatori Modelli documenti

Campo GL180

Campo fatturazione elettronica

Destinazione nel file

Tipo Fatturazione elettronica (Consentiti: Fattura, Nota di credito, Nota di debito)

TipoDocumento

<DatiGenerali><DatiGeneraliDocumento>

 

Dati obbligatori Tabella Elenco Valute

Campo GL180

Campo fatturazione elettronica

Destinazione nel file

Valute (Cod. ISO: EUR associato alla valuta Euro)

Divisa

<DatiGenerali><DatiGeneraliDocumento>

 

Dati obbligatori Coordinate Banche Ditta

Campo GL180

Campo fatturazione elettronica

Destinazione nel file

IBAN

IBAN

<DatiPagamento><DettaglioPagamento>

SWIFT/BIC

BIC

<DatiPagamento><DettaglioPagamento>

 

Dati obbligatori Coordinate Banche

Campo GL180

Campo fatturazione elettronica

Destinazione nel file

Descrizione Banca

IstitutoFinanziario

<DatiPagamento><DettaglioPagamento>

ABI

ABI

<DatiPagamento><DettaglioPagamento>

CAB

CAB

<DatiPagamento><DettaglioPagamento>

 

Dati Consigliati Causali Pagamento

Campo GL180

Campo fatturazione elettronica

Destinazione nel file

Modalità Pagamento (Vedi specifiche tecniche MP01, MP02, MP03 ecc.)

ModalitaPagamento

<DatiPagamento><DettaglioPagamento>

 

 

Dati Consigliati Causali IVA

Campo GL180

Campo fatturazione elettronica

Destinazione nel file

Natura IVA (Vedi specifiche tecniche N1, N2, N3 ecc.)

Natura

<DatiBeniServizi><DatiRiepilogo>

 

 

 

 


 

Split Payment

 

A partire dal 01/01/2015 tutti i soggetti che intrattengono rapporti con le Pubbliche amministrazioni, dovranno emettere documenti specificando che l’IVA non verrà mai incassata dal cedente ai sensi dell’art. 17 –ter del D.P.R. 633/1972 (split payment). L’IVA dovrà essere annotata nel registro vendite, ma non concorrerà alla liquidazione IVA periodica e dovrà essere stornata dal totale della fattura.

 

Ad esempio, se una azienda emette fattura di 10.000,00 euro + IVA 22%, nel documento dovrà essere indicato:

 

- che l’IVA di euro 2.200,00 sarà versata dal committente ai sensi dell’articolo 17-ter D.P.R. 633/72;

- che il totale della fattura è pari ad euro 12.200,00;

- che il valore netto da pagare è di euro 10.000,00.

 

Contabilmente deve essere registrato il credito verso l’ente pubblico annotando in una contropartita apposita l’IVA Split payment. L’imposta andrà poi stornata dal totale del credito verso il cliente con una scrittura di giroconto.

 

 

Configurazioni

Gli archivi coinvolti per la gestione dello split payment sono i seguenti:

·         Anagrafica azienda;

·         Anagrafica cliente;

·         Causali IVA;

·         Raggruppamenti IVA;

·         Piano dei conti

·         Causali prima nota.

 

 

Anagrafica azienda

In anagrafica azienda, nella sezione delle Opzioni, è necessario indicare il testo da stampare nei documenti in riferimento all’articolo per il quale l’iva relativa al documento dovrà essere versata dal destinatario:

IVA versata dal committente ai sensi dell'art.17 -ter del D.P.R. 633/1972(split payment).

 

 

Anagrafica cliente

Specificale la modalità IVA: Split Payment.

 

 

Raggruppamenti IVA- Causali IVA

Inserire il codice raggruppamento da associare alle causali IVA di tipo Split Payment (es. 22SP).

Inserire la causale IVA di tipo Split payment ed associarla alla relativa causale IVA di tipo Normale.

 

Esempio:

Sigla IVA

Des. IVA

Ragg.IVA

Iva%

Riga

IVA Split payment

22

IVA 22%

22

22

Normale

22SP

22SP

IVA 22% Split payment

22SP

22

Split payment

 

 

Piano dei conti

Inserire il codice del piano dei conti relativo al conto IVA Split payment.

 


 

Causali prima nota

La causale di prima nota utilizzata per la registrazione o contabilizzazione della fattura emessa al cliente deve avere agganciata la seconda causale con la quale fare il movimento di giroconto. Le causali devono essere così strutturate:

 

Causale

Descrizione

II Causale

Riga

Tipo conto

Conto

Segno

Flag da attivare

NSFATTPA

NOSTRA FATTURA elettronica PA

GIROSP

1

Conto

Conto Clienti

 

D

 

Registri

Giornale

Aggiorna conti

Quadratura

Righe IVA

Data documento

Data protocollo

Pagamento

Partita

Crea scadenze

Spesometro

 

 

2

Conto

Conto Vendite

 

-

 

 

 

3

IVA

Erario c/IVA a debito

-

 

 

 

4

IVA s.p.

Erario C/IVA Split Payment

-

GIROSP

Giroconto IVA Split Payment

 

 

 

 

 

Giornale

Aggiorna conti

 

 

I movimenti generati dalla contabilizzazione oppure da un inserimento manuale di una fattura emessa in prima nota risulteranno:

Nostra fattura PA: contropartite

Riga

Conto

Descrizione conto

Importo

Segno

1

03.02.01.01.00010

Cliente Pubblica Amministrazione (GL180)

1.220,00

D

2

21.01.01.01.00001

Vendite prodotti finiti

1.000,00

A

3

50.01.01.01.00018

Erario c/IVA Split Payment

220,00

A

Nostra fattura PA: Righe IVA

Riga

IVA

Descrizione IVA

Imponibile

Imposta

Ragg.IVA

IVA%

1

22SP

IVA 22% Split Payment

1.000,00

220,00

22SP

22,00

 

 

Giroconto IVA Split Payment: contropartite

 Riga

Conto

Descrizione conto

Importo

Segno

1

03.02.01.01.00010

Cliente Pubblica Amministrazione (GL180)

220,00

A

2

50.01.01.01.00018

Erario c/IVA Split Payment

220,00

A

 

 

note particolari:

·         Nelle righe articolo o voce libera inserite in documenti di tipo Split payment, viene proposta la sigla IVA Split payment collegata alla sigla IVA impostata in anagrafica articolo o voci libere.

La mancanza di associazione tra la sigla IVA “normale” e la sigla IVA di tipo split payment, viene segnalata con un avviso durante l’input.

·         La partita generata dai documenti o prima nota di fatture con IVA Split payment viene creata escludendo il valore dell’imposta relativa alle aliquote di tipo Split payment;

·         Nella liquidazione IVA periodica ed annuale le aliquote Split payment vengono evidenziate separatamente ed il valore dell’imposta Split payment non viene conteggiato nei totali.