Argomenti più utili Fattura Elettronica Split Payment Reverse Charge Dichiarazione Intento Comunicazione fatture - Spesometro Anagrafica Articoli Anagrafica Clienti Fornitori Flusso Documenti Operazioni Su Documenti Note Documenti Storico Condizioni Vendita Acquisto Allegati Digitali Schedulazione Processi Configurazione Agenti Generazione Listino E Specializzazioni Struttura Listini Struttura Listini Fornitori Struttura Listini Interni Struttura Promozioni Omaggi Prima Nota Comunicazioni Importazione Anagrafiche Excel Importazione Documenti Excel Rifatturazione Documenti Varianti Articolo Condizioni Pagamento Trend Di Magazzino Altri argomenti Addebito Spese Bollo Allineamento Dati Clienti Anagrafica Personale Anagrafiche Aperture Chiusure Contabili Aperture Magazzino Articolo62 Assegnazione Piano Conti Associazione Nuovi Report Attributi Aggiuntivi Tabelle Banche Black List2013 Catalogo Stampe Cespiti Chiusura Documenti Compensazioni Partite C O N A I Configurazione Agenti Portale Configurazione Documenti Configurazione Posizioni Finanziarie Configurazione Prezzi Configurazione Sconti Configurazione Utenti Interni Consulta Modifica Listini Contabilizzazione Documenti Contabilizzazione Incassi Pagamenti Contratti Acquisto Contratti Provvigione Contratti Vendita Controllo Totalizzatori Contro Partite Copia Documenti Crea E Registra Fatture Fornitore Data Condizioni Di Vendita Data Consegna Data Spedizione Data Inizio Fine Uso Anagrafiche Distinta Banca Documenti I Prezzi V A Inclusa Documenti Ricorsivi Ecommerce Esportazione Importazione Provvigioni Etichette G S1128 Fido Formati Numerici Generazione assortimenti Generazione Listini Fornitori Generazione Listini Interni Generazione Scadenze Google Calendar Importazione Listini Excel Importazione Prima Nota Import Export Articoli Cliente Excel Incassi Pagamenti Inserimento Guidato Prima Nota Inserimento Multiplo Scadenze Fornitori Insoluti I N T R A S T A T Inventario P D A I V A Sospensione Kit Lavori Lifo Fifo Liquidazione I V A Listini In Valuta Manutenzione Agenti In Anagrafica Clienti Manutenzione Agenti Su Documenti Manutenzione Scadenze Modifica Codice Piano Conti Monitoraggio Validazione Spedizioni Movimenti Associati Nazioni Nota Accredito Finanziaria Note Clienti Packing Pallettizzazione Partite Per Iniziare G L180 Business Piano Dei Conti Predefiniti Premi Fine Anno Procedure Su Dettaglio Listini Profili Creazione Documenti Condizioni Vendita Proposta Provvigione Agente Protocolli Quick Pay Raggruppamenti Fatturazione Ragg Statistici Clienti Redditività Registra Incassi Pagamenti Registra Incassi Pagamenti Combinati Ricalcola Condizioni Di Vendita Rinnovo Listini Ritenute Acconto Sales Force Sales Force Sede Scadenze Manuali Scala Sconti Combinata S S C Scheda Cliente Sostituzione Componenti Distinta Base Spedizioni Spese Trasporto Spesometro Spesometro2012 Spesometro2013 Stampa Anomalie Provvigioni Stampa Clienti Assegnati Ad Agenti Stampa Configurazione Listini Stampa Definitiva Documenti Stampa Differenze Clienti Stampa Disponibilita Stampa Elenco Clienti Agenti Stato Documenti Totali Documenti Generatori Trasferimento Merce

Anagrafica articoli

L’anagrafica articolo si compone di dati anagrafici e di informazioni che sono contenute in tabelle poiché possono raggruppare più dati della stessa natura (es. i vari fornitori dell’articolo).

 

Struttura articolo:

 

L’inserimento di un nuovo articolo è guidato dalla procedura di caricamento ed implica l’immissione automatica della variante Zero. Il codice dell’articolo è alfanumerico di 15 caratteri.

I valori ammessi per l’inserimento sono:

!#$&*+,-./@\^0123456789ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZabcdefghijklmnopqrstuvwxyz.

 

Attenzione: dal menù Operazioni, funzione Duplicazione articolo è possibile replicare un articolo e specificare quali dettagli copiare dall’articolo di partenza.

 

La definizione e l’utilizzo dei dati presenti in anagrafica Articolo, per semplicità di esposizione, è stata suddivisa in gruppi di informazione.

Dati anagrafici generici

Art. fiscale: articolo di raggruppamento fiscale da utilizzare per la gestione del registro fiscale; viene proposto il codice dell'articolo in inserimento. Tale codice, se diverso dal codice articolo, dovrà essere inserito anche come articolo con una propria descrizione, unità di misura e codice IVA.

Art.altern.: qualora l'articolo utilizzato durante il caricamento di righe nei documenti non sia attivo, viene segnalato che l'articolo non è abilitato visualizzando il codice dell'articolo alternativo.

Raggr. listino: raggruppamento articolo per la gestione dei listini sconti e provvigioni a due livelli. Non è necessario assegnare la categoria all'articolo: è sufficiente il solo settore.

Descr. tecnica: descrizione tecnica dell’articolo. 240 caratteri alfanumerici.

Presente: con il flag attivo, l'articolo è presente e utilizzabile; in caso contrario, viene considerato annullato. Il flag viene assegnato automaticamente con l'inserimento dell'articolo.

Data cens.to: data inserimento della variante articolo. E’ un dato obbligatorio, modificabile ma non annullabile; viene proposta la data di sistema (anche per gli articoli duplicati).

Varianti: l’attivazione del flag consente la gestione delle varianti dell’articolo. Tutti gli articoli hanno la variante 0 (zero).

Listino variante: l’abilitazione del dato consente una gestione di prezzi e sconti listino per ogni variante articolo.

Lotti: abilita la gestione dei lotti.

Matricole: determina il tipo di controllo della matricola.

Unità misura: l'unità di misura principale nella quale viene espressa la quantità dell'articolo e con cui vengono calcolati i progressivi.

Unità misura 2: seconda unità di misura a disposizione dell'articolo (inserire di seguito il coefficiente per la conversione nella prima unità di misura: il valore del progressivo viene aggiornato dividendo la quantità espressa nella seconda unità di misura per il coefficiente di conversione).

Unità misura ord., spe., fatt.: sono le unità di misura da utilizzare in caso di input rispettivamente di Ordine, Spedizione merce, e Fatturazione.

Coeff. Conv.: coefficiente di conversione alla seconda unità di misura.

Sigla IVA: sigla IVA dell'articolo (modificabile in fase di utilizzo dell'articolo nei documenti).

Tipo omaggio cliente/fornitore: Nessuno, Autofattura, Sconto merce, Sola imposta. (vedi Omaggi)

Gruppo, Gruppo2, Gruppo3: gruppo, gruppo 2 e 3 consiste in un raggruppamento merceologico dell'articolo.

Ragg. 2, Ragg. 3, Ragg. 4: codici di raggruppamento di utilizzo generale per selezioni di determinate categorie di articoli.

Cod. barre

Cod. barre: codice a barre dell’articolo.

Tipo cod. barre: tipo codice a barre.

Variante: variante associata a quel determinato codice a barre.

Tipo imballo: Imballo, Pallet, Prodotto, Sottoimballo.

Q.tà scarico: quantità di scarico relativa al codice a barre.

N x prz: quantità alla quale si riferisce il prezzo.

Etichetta gs1-128 corretta:

attenzione: per ogni articolo è possibile gestire più codici a barre.

 

Dati INTRASTAT

Nom. combin.: codice e descrizione nomenclatura combinata dell’articolo. Selezionare il codice tra quelli inseriti nel profilo Nomenclatura CEE.

Coeff. conv. CEE: coefficiente di conversione nell’unità di misura dell’articolo prevista dalla CEE.

Valore statistico: valore statistico assegnato all'articolo.

Unità mis. CEE: sigla unità di misura prevista dalla CEE.

Servizio CEE: identifica l’articolo come servizio CEE.

(Vedi anche INTRASTAT)

 

Confezionamento e imballaggio standard

Q.tà per conf.: quantità per confezione.

Conf. per pall.: confezione per pallets.

Tipo prodotto: Prodotto finito, Semilavorato, Materia prima, Distinta base.

Peso: è il peso lordo articolo.

Peso netto: è il peso netto articolo.

Volume: volume dell’articolo.

Apribile: determina se la confezione dell’articolo è apribile. La segnalazione avviene in fase di inserimento righe dei documenti. Nel tablet dell’agente invece la quantità che non rispetta il confezionamento viene evidenziata con lo sfondo rosso.

Prodotto: Prodotto finito, Semilavorato, Materia prima: identifica il tipo di articolo.

Q.tà minima di vendita: quantità minima di vendita del prodotto.

Q.tà per conf.: quantità per confezione.

Lotto econ.: lotto economico al di sotto del quale non è conveniente ordinare o produrre l'articolo.

Sg. ubicazione: è la sigla ubicazione dell’articolo.

 

Dati commerciali di Acquisto

Fornitore: codice e ragione sociale del fornitore dell’articolo.

Abituale: il flag identifica il fornitore preferenziale che può essere uno solo.

Art. for.: se selezionato permette la gestione del codice articolo fornitore nei documenti.

Variante: codice variante.

Art.forn.: è il codice articolo utilizzato dal fornitore.

Des. articolo: è la descrizione dell’articolo utilizzata dal fornitore per l’articolo.

Q.tà per conf.: quantità per confezione.

Conf. per pall.: numero di confezioni per pallet.

Conf.strato: numero di confezione per uno strato di pallet.

Prezzo: prezzo di acquisto indicativo, esclusa IVA.

Premio fatt.to: importo fatturato per premio su acquisti.

Valuta: valuta di acquisto preferenziale dell’articolo.

Acq. minimo: quantità minima di acquisto.

GG riordino: giorni necessari per il riordino.

Ordinabile: (Vuoto), Eliminato, Ordinabile, Sospeso, Eliminabile.

Spese trasporto: informazione non gestita.

Tipo di reso: tipo di reso abituale; Nessuno, A rendere, Da fatturare.

Resa: tipo di resa abituale.

Tipo imballo: tipologia di imballaggio richiesta dal fornitore.

Nota: riga descrittiva libera.

note particolari: le informazioni di acquisto vengono inserite dall’utente oppure aggiornate tramite la funzione Completa Dettaglio Acquisti/Vendite.


 

Dati commerciali di Vendita

Cliente: codice e ragione sociale cliente.

Art. cli.: permette la gestione del codice articolo cliente nei documenti.

Variante: codice variante.

Cod. articolo: è il codice articolo utilizzato dal cliente.

Des. articolo: descrizione dell'articolo cliente.

Q.tà per conf.: quantità per confezione.

Conf. per pall.: numero di confezioni per pallet.

Tipo Imballo: tipologia di imballaggio richiesta dal cliente.

Conf.strato: numero di confezione per uno strato di pallet.

Prezzo: prezzo indicativo di vendita, esclusa IVA.

note particolari: le informazioni di vendita vengono inserite dall’utente oppure aggiornate tramite la funzione Completa Dettaglio Acquisti/Vendite.

 

Dati Amministrativi

T. contropartita: codice e descrizione del tipo di contropartita.

Analitica acquisti/vendite: sigla del raggruppamento dell'articolo per la contabilità analitica.

Cod. riep.: codice totale di riepilogo nel documento. Se il report lo prevede questo campo permette di riepilogare i valori articolo in determinati raggruppamenti. Le tipologie di raggruppamento vengono definite nel profilo Totalizza riepilogo.

 

Co.Na.I.

Cod.mat.: codice materiale Co.Na.I..

Descr.mat.: descrizione materiale Co.Na.I..

Q.tà conai: quantità di materiale Co.Na.I. espresso in chilogrammi per unità di articolo.

(Vedi anche CONAI)

Totalizzatori

E’ possibile definire dei totalizzatori e relativi segni per l’uso in fase di stampa redditività.

 

Progressivi

I progressivi sono i dati relativi alla movimentazione dell’articolo suddivisi per variante: vengono aggiornati automaticamente con l’inserimento dei documenti se previsto dalla causale di magazzino associata al documento e se configurato nell’apposita costante.

 

Se la causale di magazzino è Nessuna non viene creata la riga del progressivo: la causale deve prevedere almeno una operazione di Somma o Sottrazione oppure avere il flag Prz. Ult.acq. Il documento deve avere il prezzo nella riga dell'articolo.

In caso di gestione documenti in valuta il progressivo valore viene movimentato provvisoriamente in base al cambio memorizzato nella tabella Cambi; tale valore sarà rettificato con quello definitivo dopo l’assegnazione del cambio ufficiale.

L’utente ha la possibilità di:

·         Inserire il progressivo di un esercizio (con tutti i valori a zero);

·         Specificare Prezzo e Data ultimo acquisto;

·         Indicare Scorta e Scorta massima.

 

Alcuni progressivi sono ottenuti dalla somma o sottrazione di altri:

Progressivo quantità e valore Esistenza: giacenza iniziale + progressivo carico - progressivo di scarico.

Progressivo Disponibilità quantità/valore: giacenza iniziale + progressivo carico - progressivo di scarico - ordinato clienti + ordinato fornitori – Impegnato produzione + Lanciato produzione.

Progressivo Disponibilità quantità vendita: giacenza iniziale + progressivo carico - progressivo di scarico - ordinato clienti – Impegnato produzione.

 

Altre informazioni:

Variante: variante movimentata.

Eser. mag.: esercizio del magazzino.

Valuta: valuta di competenza dell’esercizio di magazzino.

Magazzino: magazzino di riferimento dei progressivi.

Ult. acq.: data ultimo acquisto.

Prz. Ult. acq.: prezzo ultimo acquisto al netto di eventuali sconti.

Scorta: quantità minima al disotto della quale è consigliabile eseguire un riordino.

Scorta max: scorta massima. Viene utilizzata nella stampa Articoli esauriti/sottoscorta.

 

Per ognuno dei progressivi quantità viene calcolato la corrispondente quantità in confezioni. (Progressivo quantità/quantità x confezione)

 

Altri dati

Cod. stagionalità: selezionare una stagionalità tra quelle proposte.

Descr. stag.tà: descrizione estesa della stagionalità.

 

 

Varianti

A tutti gli articoli inseriti, indipendentemente dal fatto che siano gestiti con le Varianti o meno, è associata la variante 0 (zero); tale variante non è annullabile, ma la descrizione è modificabile.

 

Le varianti devono essere inserite nell'apposito archivio (vedi AnagraficaVarianti).

 

Per ogni articolo è necessario associare le varianti possibili da proporre durante il caricamento degli attributi dell’articolo stesso.

 

La descrizione assegnata alla variante viene costruita dalla descrizione dei singoli attributi che la compongono ma può essere variata o inserita manualmente.

 

Variante: Tutti gli articoli hanno la variante 0 (zero).

Descr. Varianti: descrizione estesa della variante articolo.

Data cens.to: data inserimento della variante articolo. E’ un dato obbligatorio, modificabile ma non annullabile; viene proposta la data di sistema (anche per articoli duplicati).

Lotto econ.: lotto economico al di sotto del quale non è conveniente ordinare o produrre l'articolo.

Ph.ord.prod./Ph fabb.: informazioni non gestite.

Peso / Peso netto: peso e peso netto variante.

Volume: volume variante.

Sg. ubicazione: è la sigla ubicazione dell’articolo o della variante articolo.

Prenotabile dal: Data prenotazione. Per gli articoli che hanno questa informazione la funzione di Aquisizione Oridni Sales Force provvede a generare dei documenti di tipo Prenotazione (vedi anche SalesForceSede).

Shelf life: Shelf life variante.

Presente: se il flag è attivo, l'articolo è presente e utilizzabile; in caso contrario, viene considerato annullato. Il flag viene assegnato automaticamente con l'inserimento dell'articolo.

Vendibile dal / fino al: data di commercializzazione per le vendite, viene verificata in fase di inserimento nelle righe documento. La segnalazione non è bloccante.

Acquistabile dal / fino al: data di commercializzazione per gli acquisti, viene verificata in fase di inserimento nelle righe documento. La segnalazione non è bloccante.

 

Attenzione: è possibile attivare la gestione varianti in un momento successivo rispetto al censimento dell’articolo. Questa nuova configurazione dell’articolo non pregiudica l’utilizzo della variante 0 (zero).

 

Traduzioni in Lingua

Descrizione anagrafica articolo e Descrizione varianti articolo possono contenere le rispettive traduzioni in lingua.

Il pannello viene attivato selezionando l’apposito pulsante a lato della casella di testo (es. “…”).

La versione standard dei report riporta la descrizione della variante.

 

Imballi

Questa sezione contiene tutte le informazioni relative agli imballi di un articolo.

 

Descr.confezione: tipologia di confezionamento dell’articolo. Vedi tabella

Tipo pallet: tipo di pallet da utilizzare per il trasporto dell’articolo. Vedi profilo Tipologia pallet.

Altezza pallet / N.scatole pallet / N.strati pallet / N.scatole strato: dimensioni e contenuto del tipo di pallet da utilizzare per l’articolo.

 

N.minimo scorta, N.massimo scorta: scorta minima e massima dell’imballo.

N.minimo pick / N. massimo pick: numero minimo e massimo di picking.

Tipo imballo: tipologia di imballo. Definibile dall’utente nel profilo Tipologie imballi.

 

Lunghezza / Larghezza / Altezza / Volume / Peso netto / Peso lordo scatola: dimensioni della singola confezione dell’articolo.

 

Lunghezza / Larghezza / Altezza / Volume / Peso netto / Peso lordo sot.imballo: dimensioni del sottoimballo dell’articolo.